Autunno, risotti e svezzamento a modo mio.

autunno

Eccomi! Due post all’anno praticamente ma continuo a credere che riuscirò ad aggiornare il blog!

Non mi metto a raccontarvi per filo e per segno cosa succede nei primi mesi di vita di una neomamma!

Ormai la mia piccola è sulla soglia dei 7 mesi e quindi ci siamo avventurate nelle pappe: lo svezzamento, in famiglia abbiamo deciso di fare a modo nostro, né schemini perfettini con pappine e omogeneizzati, né questo autosezzamento che tanto di moda ma che non ho ancora capito cosa sia.

Abbiamo semplicemente deciso di mangiare tutti meglio e più sano ,diciamo che io ho anche la base di un corso fatto alla casa maternità con Simonetta e che consiglio vivamente a tutte le mamme, non parto proprio da zero.

Bene quindi eccovi il nostro pranzetto di oggi: risotto zucca, curcuma (sia in polvere che fresca) e porro.

IMG_1785

Per due persone + Piccola:

1 bicchiere di riso

3 bicchieri di acqua

1 porro

1 pezzo di zucca

curcuma in polvere e fresca

olio (e il sale non c’è ma voi mettetelo).

Faccio tostare il porro affettato, il riso e la curcuma in povere con un filo di olio nella pentola a pressione.Aggiungo la zucca grattugiata e copro con l’acqua. Porto a pressione e lascio cuocere 10 minuti (al dente 7minuti). Finisco con curcuma fresca grattugiata.

Noi abbiamo gradito!

E poi in tema autunno vi lascio anche questa idea scopiazzate dal web (ma non ricordo dove perdono): un porta candele che crea una bellissima atmosfera.

IMG_1770

Vi serve :

foglie secche

colla vinilica

vasetto di vetro

candelina

nastro per decorare

Facile : attaccate le foglie sul vasetto con la colla, lasciate asciugare bene, decorate col nastro e accendete la candela per creare una bellissima atmosfera durante una cena ( romantica per voi….per noi è da un po’ che mancano, ma si sa!!!)

PicMonkey Collage

p.s scusatemi eventuali errori sono di fretta

L’attesa di Natale

Occorrente:

rami

cartavetro

flatting all’acqua o specifico per il legno (trasparente satinato)

spago da cucina

addobbi natalizi tra cui pigne e ciò che la natura ci offre.

gancio da parete

La prima cosa da fare è procurarsi dei bei rami della lunghezza adatta : questi sono della lunghezza a scalare da 20 cm a 80 cm.

Scartavetrare bene i rami, spolverarli e passare due mani di vernice.

Una volta che i rami sono pronti, attacchiamo il nostro gancio da parete (ci servirà un trapano, un tassello e il gancio) e dedichiamoci alla creazione della struttura con del semplice spago da cucina.

Al primo rametto abbiamo legato un triangolo di spago in modo da poterlo appendere. I rami seguenti sono stati legati tra loro uno alla volta con altri segmenti di spago perpendicolari, calibrando bene la distanza per mantenere un giusto equilibrio.

Addobbiamo l’albero. Per le luci vi consigliamo dei led a luce bianca calda con filo trasparente per mantenere l’effetto il più naturale possibile.

 

 

 

albero attesa dettaglio

Continua a leggere

Gingerbread cookies

Una tazza di tè, l’albero da decorare e qualche biscotto in forno, questo sarà il mio ponte dell’Immacolata

pan doppio panrenne pandizenzero happyholidays

 

Ricetta del Maestro pasticciere Gino Fabbri

burro 50 gr

zucchero di canna 85 gr

acqua 10 gr

uova 30 gr

farina 225 gr

miele (acacia o millefiori) 70 gr

lievito 2 gr

mix di spezie (zenzero, cannella, chiodi di garofano, anice stellato, noce moscata, cardamomo)

Mescolare burro e zucchero abbastanza velocemente. Aggiungere uova , miele e acqua e continuare a mescolare per miscelarli bene. Setacciare insieme la farina e il lievito con le spezie. Aggiungere poi una metà di questa miscela alla parte di impasto precedentemente preparata e mescolare bene. Dopodiché aggiungere la seconda parte e mescolare molto bene.

Se è troppo morbido aggiungere un po’ di farina.

Avvolgere l’impasto con la pellicola e lasciar riposare almeno 2 ore.

Stendere la pasta fino ad uno spessore di 5 mm e stampare le formine. Cuocere i biscotti a 180° per 10/12 minuti.

Decorare a piacere. (anche con ghiaccia reale : zucchero a velo 250 gr albume 40 gr qualche goccia di succo di limone, montare bene e servirsi di un cornetto fatto con carta forno)

 

L’anno scorso feci questo corso alla caramella, in quell’occasione il Maestro ci disse che i dolci contenenti miele migliorano molto col tempo quindi di lasciarli riposare anche 15/20 giorni potete magari già insacchettarli e regalarli poi a Natale.

Se volete praticate un forellino con uno stuzzicadenti sulla sommità prima di infornare, potrete così farci passare un nastrino ,una volta sfornati i biscotti, per decorarci l’albero.

Buone Feste!!