Sfide impossibili: la colomba e la via degli dei

Oggi è mancato un grande scrittore. Gabriel Garcia Marquez. Sarà banale dirlo oggi ma cent’anni di solitudine è da sempre il mio libro preferito. Lo lessi a sedici anni in un brutto periodo, in una vacanza strana e noiosa; mi fece sognare per un po’, mi tenne compagnia in un momento di tremenda solitudine, in un momento in cui ero io a cercare quella solitudine.

Non posso scrivere oggi senza dedicargli un pensiero, in questo venerdì santo una strana coincidenza….

Oggi quindi muore dio e siccome (senza essere blasfema o forse si) da antropologa per me dio e la religione sono cultura costruita dall’uomo, posso dire che anche oggi con Marquez è morto un pezzetto di quel dio, ovvero della nostra cultura; ma grazie davvero alla magia che sono i libri, questo scrittore, i suoi scritti e soprattutto le emozioni che mi ricorda risorgeranno sempre: sarà sempre Pasqua allora!

Allora Marquez, dio, pasqua…. quindi …colomba: è tanto che non postavo qualcosa ma ho avuto un po’ di vita in mezzo ;)!

colomba

 

Io la ricetta della colomba posso anche trascrivervela, ma dato che l’ho presa direttamente da un blog tanto vale risparmiarmi questa fatica e dare tutti i meriti al blog in questione “Il crudo e il Cotto” di Raffaele Pignataro.

Ho adorato questa ricetta perché mi ha permesso di misurarmi in modo facile con un lievitato che mi faceva un po’ paura, impastando a mano e soprattutto potendo usare le mie amate farine macinate a pietra; in più non potevo non farmi convincere da qualcuno che cita Levì-Strauss.

Nella mia colomba ho usato 1/3 di farina bianca macinata a pietra e 2/3 di farina di tipo 2 macinata a pietra, l’unica differenza nel procedimento è stato che ho messo la colomba in frigo 4 ore dopo il secondo impasto (per motivi di tempo).

Ho fatto tutto io granella di zucchero e canditi compresi.

fettacolomba

 

Essere riuscita in questa sfida ” impossibile” non  mi darà la forza, ma sicuramente un’ottima colazione per la mattina di pasqua, dato che quel giorno partirò da Bologna alla volta di Firenze a piedi, lungo la Via degli dei!

Buone vacanze a tutti!

Selene

 

P.s buona è buona, il commento di mio nipote è stato “uao patatico” (fantastico)!!!

diego

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...