Un po’ di estate che resta con me : la pummarola e il pesto

raccolta

Quest’anno mi sono cimentata nell’impresa : ho fatto la pummarola!

Agosto in città mi ha regalato momenti diversi dal solito, e in uno di questi weekend liberi sono andata nei campi di Arvaia, ho raccolto la materia prima (ovvero 31 kg di pomodori) e poi sono tornata a casa e mi sono messa all’opera.

Il procedimento che abbiamo usato è il seguente:

  1. Lavare molto bene barattoli e coperchi ed asciugarli
  2. Lavare i pomodori e praticare un taglio a croce in una delle estremità
  3. Riempire i barattoli coi pomodori interi cercando di riempirli il più possibile, se volete potete aggiungere qualche foglia di basilico (ovviamente anch’esso lavato)
  4. Chiudere i barattoli, avvolgerli in strofinacci (per evitarne la rottura) ed immergerli nel pentolone con l’acqua in ebollizione.
  5. Fate cuocere almeno una mezzoretta e dopo averli tolti teneteli capovolti per assicurare il sottovuoto.

PicMonkey Collage

Considerazioni a posteriori.

Da Arvaia oltre alla possibilità di raccogliere si può usufruire degli attrezzi per la cottura (calderone, brace e consigli degli esperti), inutile dire che se  avete la possibilità di un posto attrezzato sfruttatela, io l’anno prossimo farò sicuramente così (ovviamente parliamo di grossi quantitativi).

Per evitare di sprecare troppa acqua ed energia ho lavorato immergendo e togliendo i barattoli dall’acqua sempre in ebollizione, aiutandomi con pinze e guantoni, bisogna stare molto attenti.

Bisogna pulire accuratamente i barattoli, se si ha tempo di sterilizzarli ancora meglio.

Controllate la riuscita del sottovuoto e all’apertura che nel prodotto non ci siano alterazioni, in questo caso dovrete buttare il contenuto.

Il procedimento è stato faticoso ma soddisfacente e mentre ero in casa circondata dai pomodori è saltata fuori anche una ricettina

DSC01452

Per il pesto

A settembre tornata dalle ferie, dopo due settimane che l’orto era incolto (non preoccupatevi all’acqua ci ha pensato Stefano Peloso con il suo sistema di irrigazione automatica), il basilico era salito ai piani alti… era davvero tantissimo quindi ho deciso di preparare del pesto per congelarlo.

Così l’ho raccolto, lavato e asciugato per bene e poi l’ho frullato con il minipimer (si lo so, ma era cos’ tanto che col mortaio mi sarei slogata una spalla, tenete conto che saranno almeno 35 porzioni), ho deciso di tritare solo olio (il minimo indispensabile) un po’ di sale e basilico e di aggiungere solo al momento dello scongelamento formaggio aglio ecc… così da poterlo personalizzare ogni volta.

Il primo che ho fatto eccolo qui

PicMonkey Collage

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...